Crea sito

Il Re è Nudo

Ieri grande conferenza stampa con tanto di countdown su sky sport, qualche anno prima stessa cosa fu fatta da Aurelio De Laurentiis per congedare “don Raffaè” Rafa Benitez,facendo passare la separazione come una decisione reciproca,da tutti i giornali fu definita una “buffonata”.

Invece ieri i giornali, si sono impegnati a definire l’addio di Allegri una “grandissima mossa di stile”.

La realtà è che quella di Benitez e quella di Allegri sono state due separazioni non consensuali.

Allegri aveva un piano già pronto per i prossimi anni e alla Juventus soprattutto nella persona di Pavel Nedved, le idee erano ben diverse.

Allegri ha vinto si 5 scudetti ha si fatto due finali di Champions (che durante la conferenza sono stati attribuiti come trofei vinti, ma si sa da quelle parti si fa facile ad inventare titoli), ma la Juve vista quest’anno è la più brutta degli ultimi 8 scudetti, con addirittura un Cr7 in campo.

Il bel gioco non è mai arrivato e Max ha sofferto molto le critiche su questo punto, in Europa ha avuto un ruolino di marcia imbarazzante con sconfitte con Manchester United, Young Boys, Atletico e l’eliminazione con l’Ajax.

L’esonero di ieri, perchè di esonero si tratta ha messo a nudo tutte le critiche che la stampa italiana ha cercato di mascherare in questa stagione.

Allegri cacciato via dalla Juve perchè ha fallito con un investimento grande come quello di Cristiano Ronaldo, ha svalutato giocatori importanti come Dybala, Douglas Costa, Cancelo e Pjanic, ha giocato un calcio a tratti imbarazzante e sopratutto non è cresciuto a livello europeo dove si è fatto un grosso passo indietro.

Le critiche di Adani, erano più che valide, ed era un pensiero condiviso anche dalla dirgenza bianconera.